Rimedi - Parassiti intestinali nel cane, i più comuni dagli ascaridi alla tenia

Posted on

Il cane contrae l’infezione da ascaridi (ascaridiosi o ascaridiasi) nel momento in cui ingerisce le uova del parassita.

In alcuni casi, come riportato nel paragrafo relativo alla sintomatologia, i parassiti possono essere visibili nelle feci o nel vomito dell’animale; questa evenienza è comunque abbastanza rara. Talvolta, gli ascaridi adulti (o porzioni di vermi adulti) possono essere visibili nel vomito o nelle feci dei cani infetti. L’infezione può avvenire facilmente attraverso le uova ingoiate, che possono essere dappertutto nell’ambiente delle persone infette. Possono infatti esserci uova sulla superficie della pelle, sotto le unghie, nella casa del bambino, nelle lunzuola, negli abiti, ma anche nella polvere. Gli ascaridi sono dei parassiti intestinali che nella loro forma adulta possono raggiungere anche i 25 cm di lunghezza. Nel caso degli ascaridi le uova dei parassiti intestinali penetrano nell’organismo soprattutto attraverso verdura e frutta non lavate. La parte posteriore dei vermi adulti, piena di uova si stacca dal corpo e, attraverso le feci, va a finire nell’ambiente esterno. Le capsule Parasic sono dei preparati antiparassitari naturali al cento per cento, che aiutano ad eliminare dall’organismo i vari tipi di parassiti intestinali e le loro uova. Ossiuri sintomi:  Le uova in poche ore raggiungono l’intestino tenue dove si schiudono facendo fuoriuscire larve che migrano essi si sviluppano in vermi adulti in poche settimane.

Parassiti intestinali nel cane, i più comuni dagli ascaridi alla tenia

  • Se solitamente il pelo è lucido ma improvvisamente diventa opaco e spento, potrebbe indicare la presenza di ascaridi.
  • Una pelle irritata invece potrebbe essere segno di anchilostomi.

Il cane contrae l’infezione quando ingerisce le uova di questo parassita o mangia roditori infetti.

Le femmine adulte possono deporre diverse centinaia di migliaia di uova in un solo giorno, che vengono alla fine espulse nelle feci del cane. I cani possono sviluppare una infezione da ascaridi a seguito dell’ingestione della carcassa di un animale infetto, in genere di un topo o di un altro piccolo roditore. Anche i cuccioli appena nati possono contrarre l’infezione, ingerendo le uova o le larve del parassita attraverso il latte materno. Indipendentemente dalla modalità di trasmissione dell’infezione, quando un cane giovane diviene infetto, le uova in genere si schiudono nello stomaco dell’animale. Gli ascaridi possono colpire i cani di tutte le età, ma sono particolarmente pericolosi per i giovani cuccioli. Le uova di molti parassiti interni, ascaridi inclusi, possono essere identificate in questo modo. La maggior parte delle uova dei parassiti differisce nell’aspetto a seconda della specie specifica. Esistono svariati farmaci sicuri ed efficaci in grado di uccidere gli ascaridi e altri parassiti interni, anche nei cani giovani. Quando le uova del parassita vengono ingerite, si schiudono e si sviluppano in larve nello stomaco e nell’intestino tenue, proprio come avviene nel cane.

Quali sono i parassiti intestinali più comuni nel cane? Ecco un quadro generale.

  • Età dei soggetti (i cuccioli sono più sensibili).
  • Stato immunitario.
  • Carica infestante.

Quando le femmine sono gravide di uova non possono rimanere nell’apparato intestinale dell’uomo e si allontanano dal corpo attraverso le feci.

Gli animali sono ospiti di vermi già sviluppati e le loro uova vengono deposte insieme agli escrementi. Vivono come parassiti nell’intestino e producono delle uova che vengono espulse con le feci dell’ospite. Per quanto riguarda la diagnosi, o si vedono direttamente gli ascaridi adulti nelle feci o si ricercano le uova con un esame delle feci. I 5 parassiti intestinali più frequenti nel cane I parassiti intestinali sono comuni patogeni nei nostri cani ed alcuni di questi possono infestare anche l’uomo. All’interno dell’intestino questi parassiti si replicano e le femmine producono uova che vengono espulse con le feci. I sintomi sono variabili e possono essere: La diagnosi può essere fatta attraverso un esame delle feci, ma a volte un esame negativo non esclude la presenza dei parassiti. Ci sono due specie di ascaridi che possono infestare il cane e l’uomo: Toxocara canis e Toxascaris leonina. Le femmine producono uova che vengono espulse con le feci e, dopo un periodo di sviluppo della larva al loro interno, possono infestare direttamente cani e uomo. I cani possono essere infestati: Come per gli ancilostomi le larve possono migrare nell’intestino oppure rimanere quiescenti nel tessuto muscolare.

La foto della bocca di un cane invasa dalle coccinelle che gira on line vi preoccupa? Ecco di cosa si tratta

  • dopo essere stato al bagno,
  • dopo aver cambiato un pannolino,
  • dopo aver lavorato con la terra,
  • prima di mangiare o di toccare del cibo

4 In alcuni casi l’infestazione di parassiti può provocare la tosse al cane, soprattutto se i vermi sono gli ascaridi.

Una volta espulse, le uova possono resistere nell’ambiente esterno per tantissimi giorni, dato che sono protette da una sostanza molto dura. Immagini: Depositphotos Leggi anche Ci sono molti tipi differenti di vermi che possono infettare i cani. 5 I vermi possono vivere o transitare attraverso l’intestino, quindi in determinate fasi del loro ciclo di vita si trovano nelle feci del cane. Invece, sia le uova sia le larve possono essere presenti nelle feci, ma sono difficili da individuare a occhio nudo. 7 Alcuni parassiti, come gli ascaridi, possono trasferirsi dai cani agli esseri umani. Ecco, quelli sono gli ascaridi, gli adulti per lo meno, perché le uova possono essere individuate dal veterinario solo con l’esame delle feci e un microscopio a disposizione. Gli ascaridi sono degli elminti, dei nematodi per la precisione, cioè dei vermi rotondi: i cani di solito sono interessati da Toxascaris leonina e Toxocara canis. I vermi adulti vivono nell’intestino di cani e gatti: qui si accoppiano e producono le uova. Quindi fondamentalmente i cani prendono gli Ascaridi o dal terriccio contaminato con le feci di un cane infestato o dalla madre.

Oltre ad ascaridi e tenia ce ne sono altri che possono colpire il nostro cane.

Gli ascaridi sono nematodi, vermi tondi e sono i parassiti intestinali più frequenti nel cane (sono i vermi lunghi e sottili come spaghetti). Toxocara e Toxacaris possono colpire sia cuccioli che adulti, vivono nell’intestino e producono uova che sono eliminate con le feci nell’ambiente. Anche qui l’infestazione avviene tramite l’ingestione delle uova espulse con le feci da un cane infestano, uova che persistono anche anni nell’ambiente. Gli strongili sono parassiti pericolosi nel cane in quanto oltre ad infestazioni intestinali possono provocare anche polmonite parassitaria. I coccidi sono parassiti endocellulari obbligati: negli adulti causano una diarrea autolimitante (anche se per sicurezza molti veterinari preferiscono trattarli loro), ma nei cuccioli possono provocare diarrea emorragica anche fatale. Questo perché quando trovi le uova dei coccidi nell’esame delle feci, non sai mai a che punto del ciclo sei. Il contagio può avvenire anche con l’ingestione accidentale, durante le pulizie, delle uova presenti nel terreno, oppure mangiando prede che sono a loro volta infestate. Nei bambini l’infestazione può avvenire per ingestione accidentale delle uova di parassiti presenti nel terreno contaminato da feci di cani e gatti infestati, ad esempio parchi, giardini, orti. Le uova di Ascaridi rilasciate nel terreno o nell’acqua attraverso le feci restano infettive, qualora le condizioni ambientali sono favorevoli, anche per anni. Le uova ingerite si schiudono nell’intestino rilasciando delle larve che sono già capaci di risalire lungo la parete dell’organo fino a raggiungere prima il fegato e poi i polmoni. L’ascaridiasi può essere diagnosticata attraverso l’esame microscopico delle feci, che in caso di infestazione, contengono una grande quantità di uova del parassita. I cani possono infestarsi di T. canis sia ingerendo uova infestanti (contenenti le L2) sia alimentandosi di altri animali (ospiti paratenici) i cui tessuti contengono le larve di questi parassiti. Da adulti gli ascaridi si presentano come spaghetti biancastri lunghi e sottili eliminati di solito con le feci, ma quando sono presenti in gran numero possono essere anche vomitati. La diagnosi di Strongili nel gatto non è sempre così semplice in quanto le larve e le uova sono difficili da evidenziare tramite esame feci.